Sorbo montano
(Sorbus aria)

Nessuna immagine disponibile

Classificazione scientifica

Famigliarosaceae
GenereSorbus
Speciearia
Nomi comuniSorbo montano

Descrizione: Solitamente arbusto in sottobosco, ma spesso alberetto (altezza massima 15-16 m), sia isolato, sia consociato con individui arborei di bassa statura (orno-ostrieti radi, querceti a roverella), con fusto di regola eretto e cilindrico, chioma ovale un po' compressa e densa, apparato radicale fittonante e profondo; corteccia con piccole screpolature orizzontali negli esemplari giovani e fessurata longitudinalmente in età avanzata, di colore da grigio a rosso bruno, spesso con macchie biancastre; rami rossastri lucenti, provvisti di lenticelle piccole e rade; i rametti dell'anno sono ricoperti di un feltro biancastro

Foglie, Fiori, Frutti: Gemme allungate, fino a 9 mm, appuntite, inserite a spirale, con squame verdi-giallastre ciliate.
Foglie semplici alterne, con breve picciolo tomentoso (1-2 cm), a lamina per lo più ovale (6-12 x 4-8 cm), cuneate o, più spesso, arrotondate alla base, irregolarmente e doppiamente seghettate, acute all'apice, di colore verde intenso lucido superiormente e bianco-grigiastre tomentose nella pagina inferiore, vellutate al tatto.
Fiori in grandi corimbi eretti niveo-tomentosi, ermafroditi, numerosi, provvisti di calice pure tomentoso a 5 punte (patenti nei frutti) e di corolla a 5 petali bianchi, lunghi circa 3 mm, patenti; stami 18-20; pistillo singolo, a volte doppio fuso in uno.
Frutti a falsa bacca ovale o subglobosa (10-12 mm x 8-10), picchiettati di molte minuscole lenticelle, rossi a maturità, a polpa gialla, farinosa, edule, con all'interno di norma 2 semi.

Areale, Ecologia: Entità meso-termofila, diffusa soprattutto nell'orizzonte submontano e montano inferiore, a volte sale nel montano superiore oppure scende nel piano basale, in esposizioni soleggiate, anche su rocce e detriti, preferibilmente calcarei. Da 0 a 1200 m (eccezionalmente oltre 2000 m in esposizione a Sud sulle Alpi).
Specie oloeuropea paleotemperata, presente dalla Scandinavia meridionale alle isole britanniche, alla penisola iberica, ai Balcani; non sicura la presenza sui monti nelle Canarie, in Algeria e a Cipro.
In Italia la subspecie è segnalata in tutta la penisola e nelle isole.



Presenza regionale

Nessuna immagine disponibile
Torna indietro